Allocuzione di Mons. Paglia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
ALLOCUZIONE SUL BEATIFICAZIONE DEL MARTIRE OSCAR ARNULFO ROMERO GALDÁMEZ DALL’ARCIVESCOVO VINCENZO PAGLIA, POSTULATORE DELLA CAUSA
SAN SALVADOR, 23 MAG 2015
Cari fratelli e sorelle,

Oggi è una grande festa qui in El Salvador. E una grande festa in cielo. [Applausi]. Se alziamo lo sguardo verso l’alto vedremo il cielo aprirsi e ci mostrano Oscar Romero circondato da molti uomini e donne che gioiscono con lui. Sono sacerdoti, religiosi e religiose, catechisti e semplici fedeli che sono stati brutalmente assassinati. [Applausi]. E tanti altri che hanno seguito, ascoltato e amato a lui. Si tratta di un prezioso tesoro della fede della Chiesa di El Salvador, la fede di questa terra. Tra coloro avvistiamo monsignor Rivera Damas, che ha iniziato la causa di beatificazione. [Applausi.] E Rutilio Grande, con Nelson e Manuel, chi è nel processo di beatificazione. [Applausi.] Tutti lo vedono, si rallegrano, e si uniscono a noi.

Davvero, Romero è ora Beato. Lui è davvero felice per questo giorno. [Applausi]. Ma, non è felice per la sua beatificazione. Non aveva bisogno di esso. Romero è felice perché ci vede insieme. È stato il sogno che ha fatto per il paese e la Chiesa. [Applausi.] È per chi ha dato la sua stessa vita. [Applausi.] La sua beatificazione ci fa respirare questo sogno, ci rianima e dal cielo ci esorta a non sprecarla, non spegnerla. Questo significa che ora abbiamo di avviare un nuovo tempo per El Salvador, e per chi ama la Chiesa ei poveri. [Applausi.] Così si raccolta l’eredità di Romero. Amava dire che il Concilio Vaticano II chiama tutti noi, tutti i cristiani, per essere martiri, cioè dare la vita per il Vangelo, per gli altri, e per i poveri. Sì, cari amici, questa beatificazione chiede a tutti noi di essere martiri: cioè, a dare la vita per gli altri, per un mondo di pace e di amore, come ha fatto Mons. Romero.

Camminando verso la canonizzazione di Mons. Romero con Papa Francesco è l’obiettivo che abbiamo. Ciò significa … [Applausi.] Ciò significa camminare insieme a lui, lontano da violenza e praticando l’amore e la pace. Questo è il miracolo ho chiesto al Beato Oscar Romero: il miracolo di rimanere uniti e di cambiare il mondo con il nostro amore. Solo l’amore—non la violenza—cambia il mondo. [Applausi]. Per questo motivo, il motto di Mons. Romero “sentire con la Chiesa” potrebbe tradurre per noi a “sentire con Romero”. [Applausi.] Sì, ci sentiamo con Romero, fratelli e sorelle. E El Salvador e il mondo cambierà.

Grazie mille. [Applausi.]

[La folla grida “Viva il Papa!” E infine “Viva Romero!”]

Deja un comentario